L’analisi dello status quo
Sono partito dall’esame minuzioso dei vecchi marchi: un piccolo, disarticolato universo di testi e grafica che negli anni si è evoluto in modo libero e selvaggio, in assenza di una progettualità ben definita. Ho effettuato dunque un’analisi dettagliata per evidenziarne gli aspetti positivi e negativi. 
Sulla base di questa indagine preliminare ho elaborato delle proposte, focalizzate inizialmente sul naming,  poi sulla grafica e sulla dicitura linguistica, ed infine sull’analisi dei colori. Ho ritenuto che questi ultimi rappresentassero perfettamente l’anima e la forza del marchio originario e per questo si è deciso di mantenerli, conferendo loro -idealmente- un nuovo significato che rispecchiasse maggiormente i nuovi orizzonti del Gruppo.
Idee, idee e ancora idee!
Una volta effettuata questa analisi, mancava solo una buona idea per l’aspetto grafico del nuovo marchio. Serviva un segno fortemente iconico, qualcosa che rimanesse impresso nella mente ma che allo stesso tempo mantenesse un certo livello di familiarità con l’esistente. Facile a dirsi. In realtà sono stati tanti i fogli da disegno consumati nella ricerca di uno spunto, di un’idea. 
In totale sono state realizzate sette proposte, tutte molto articolate e piuttosto diverse tra loro, sottoposte successivamente al vaglio della Direzione. 
Una regola non scritta – ogni grafico che si rispetti la conosce bene – recita: “Il logo che il cliente sceglierà o è il primo o l’ultimo realizzato”. Il primo perché viene concepito sull’onda della spinta creativa guidata dall’entusiasmo per il nuovo progetto, l’ultimo perché a dare l’impulso decisivo è la disperazione di chi ha esaurito tutte le buone idee. Nel nostro caso, la scelta del nuovo marchio è caduta sulla prima proposta presentata, modificata solo in minima parte.
Una volta deciso il nuovo marchio commerciale, era necessario comunicarlo alla popolazione di comuni di Bolzano e Merano, dove Azienda Energetica è profondamente radicata. Abbiamo quindi deciso di effettuare una campagna in due fasi: un primo teaser dove il nuovo logo veniva accennato, lasciando ai più ardimentosi degli indizi per capire di cosa si stesse parlando, e infine una campagna con il nuovo logo e dei contenuti fotografici fortemente collegati alla Provincia di Bolzano. La campagna ha avuto luogo tra settembre ed ottobre 2013 ed ha avuto riscontri molto positivi.
Illustrazione nata come divertissement ed esercizio con Illustrator ma successivamente utilizzata per alcune attrezzature interne all'Azienda.
Back to Top